giovedì 10 luglio 2014

Finalmente la trovata del secolo!


Da qualche giorno chi spera di avere un tetto sulla testa può ambire al sogno semplicemente giocando a Vinci Casa della Sisal.
Si perchè quando un bisogno si fa reale, sentito e predominante lo Stato c'è.
Semplicemente giocando 5 numeri e azzeccandoli tutti al costo di 5 euro si può vincere una casa da 500.000,00 euro! Già, perchè lo Stato ovvero Sisal ovvero il "benefattore" desidera fortemente tu sia proprietario di casa tua e ti agevola invitandoti a giocare.
Da qualche giorno sulle emittenti televisive viene trasmesso un simpatico spot, l'ennesimo che invita all'azzardo.


Si, avete letto bene lo Stato non contento di lasciarci in mutande tra tasse e balzelli vari crede bene di stuzzicare la nostra parte ludica inducendoci a spendere anche per il sogno, la casa, magari lussuosa.
Personalmente rimango allibito dal fatto che non siano tutelati quei poveri Cristi che magari non essendo poi troppo svegli (la probabilità di vittoria è una su 658.000) magari "investono" fior di euro presi dalla smania/speranza di avere finalmente una casa propria, senza dover rincorrere tutti i mesi il giorno delle scadenza affitto e senza dover ricevere solleciti per un canone di locazione divenuto pesante.
In un epoca di sfratti sempre più frequenti (i dati lo Stato/Sisal li conosce bene!) di difficoltà per le famiglie a pagare un canone di locazione era indispensabile tirar fuori un ennesimo acchiappacitrulli per far cassa?

La risposta è SI.
Si perchè è proprio quando esiste un bisogno reale che va colmato, proprio quando una necessità diviene improcrastinabile che lo Stato ci viene incontro.
Faccio l'agente immobiliare e vedo molte facce, sento molti discorsi mi rendo conto di molte tragedie che le persone vivono quotidianamente. La lotta è divenuta tra proprietari e inquilini, gli uni contro gli altri, i primi che reclamano giustamente il canone pattuito i secondi che spesso (non sempre) troppo spesso diventano "indesiderati" per ovvie e imbarazzanti difficoltà anche solo a dar da mangiare ai figli.
Gente che vende e gente che vorrebbe acquistare, in mezzo le banche, i primi che vorrebbero vendere ai prezzi dei "favolosi" anni della bolla speculativa pre crisi i secondi che se vanno in banca non riescono ad ottenere nemmeno la metà dei "favolosi" anni del "....quanto le serve per la casa? Duecentomila? Ma ne prenda Duecentotrentamila così rifà anche l'arredamento"!!!

Esercito il mio lavoro in una piccola cittadina statica e con poche idee innovative, dove "il ben godi" è terminato qualche anno fa come in altri posti e mi rendo conto che è proprio in tessuti sociali come questi che proliferano i giocatori azzardosi i malati di speranza che pensano di trovare la soluzione con l'ennesima grattata.
Sicuramente a giorni avremo il primo vincitore della casa Sisal così che il popolo abbia a credere di avere una chances.
Ognuno è libero di giocare come no, ma provate a chiedervi con quanta libertà agisce un disperato se lo Stato di cui bene o male si fida gli "regala il sogno".
  

Nessun commento:

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...